Vaticano tours

 

Papato Città del Vaticano

Papato

Città del Vaticano

La Città del Vaticano è uno stato europeo indipendente al capo del quale c'è il Papa, che opera analogamente a quanto avviene in una monarchia elettiva non ereditaria. La superficie di questo stato è di soli 0,44 km quadrati all'interno di Roma sulla riva destra del Tevere e comprende dentro le mura della città la Basilica di San Pietro, con la sua Piazza e le Catacombe delle Grotte Vaticane, oltre ai Giardini ed ai Palazzi Vaticani, che ospitano la Biblioteca Vaticana, i Musei Vaticani e le opere d'arte della Cappella Sistina e delle Stanze di Raffaello. Il Vaticano è il più piccolo stato indipendente al mondo, sia come numero di abitanti che come estensione, ed è lo stato della Santa Sede, che viceversa è l'organo politico al quale spetta la sovranità e proprietà sullo Stato della Città del Vaticano e che rappresenta la Chiesa Cattolica Romana all'interno delle Organizzazioni Internazionali, come l'ONU.

Dopo la fine dello Stato Pontificio con la nascita del Regno d'Italia, l'indipendenza dello Stato della Città del Vaticano è stata riconosciuta dal Governo Italiano l'11 febbraio 1929 con i Patti Lateranensi, firmati tra l'allora Primo Ministro del Regno d'Italia Benito Mussolini ed il Segretario di Stato Vaticano Cardinale Gasparri. I Patti Lateranensi, che prendono il nome dal palazzo di San Giovanni in Laterano a Roma dove furono firmati dopo una negoziazione durata due anni e mezzo, che chiusero il contenzioso tra Chiesa e Stato relativo alla Questione Romana, aperta nel 1870 con l'annessione dello Stato Pontificio al Regno d'Italia. Precedentemente il territorio della Città del Vaticano era territorio italiano sottoposto ad una particolare tutela riconosciuta dalla Legge delle Guarentigie. Sul territorio della Città del Vaticano la Santa Sede esercita la sovranità territoriale, ma ha ha anche il privilegio dell'extraterritorialità su alcuni edifici a Roma ed in Italia, che costituiscono la Proprietà della Santa Sede.

La cittadinanza del Vaticano spetta ai cardinali che risiedono in Vaticano o a Roma, oltre a che risiede stabilmente in Vaticano per lavoro (solo per la durata delle loro cariche) e a parenti dei cittadini su concessione del Papa. La cittadinanza, comunque, si perde al termine delle cause che l'hanno giustificata e di conseguenza la popolazione del Vaticano è temporanea.

La Santa Sede è il Governo del Vaticano e di conseguenza ne esercita i diritti diplomatici che derivano dall'insieme di poteri che fanno capo al Papa come capo della Chiesa Cattolica Romana. Essendo il Governo Centrale della Chiesa, la Santa Sede ha il riconoscimento legale che permette di entrare in rapporti diplomatici con altri stati. Lo Stato della Città del Vaticano e la Santa Sede sono infatti soggetti di diritto pubblico internazionale e la Santa Sede è membro di numerosi organismi internazionali ed è membro dell'OSCE ed osservatore permanente all'ONU; nel 2004 ha ottenuto tutti i diritti degli stati membri a meno di quello di voto.

Il Capo di Stato della Città del Vaticano è il Papa che esercita il potere legislativo, esecutivo e giudiziario, non solo sulla Città del Vaticano, ma anche sulla Santa Sede. Il Papa delega l'amministrazione della Città del Vaticano alla Commissione Pontificia per lo stato della Città del Vaticano. Il Capo del Governo è il Segretario di Stato e Governatore della Città del Vaticano (a volte indicato come il Presidente della Città del Vaticano). Il governo della Santa Sede è separato e fa capo alla Curia Romana che a sua volta è formata da membri del Collegio dei Cardinali. I Capi di Governo, quindi, agiscono per conto della Curia Romana. La Curia Romana è formata dal Segretariato di Stato, nove Congregazioni, tre Tribunali, 11 Consigli Pontifici ed un insieme di uffici che amministrano gli affari della Chiesa.

Il Papa è eletto a vita in conclave da cardinali di età inferiore agli 80 anni. Durante la sede vacante, tra la morte di un Papa e l'elezione del nuovo, il Camerlengo della Sante Chiesa Romana, il precedente Segretario di Stato ed il precedente Presidente della Commissione Pontificia formano una commissione che esegue alcune delle funzioni del capo dello stato, mentre altre funzioni sono tenute dal Camerlengo e tre cardinali. Tutte le decisioni di queste commissioni debbono essere approvate dal Collegio dei Cardinali.

Il Papa elegge i cardinali della Curia Romana con una specifica autorità per amministrare la Città del Vaticano. L'autorità principale è il Governatore della Città del Vaticano (a volte chiamato Presidente della Città del Vaticano). A lui sono affidati i compiti normalmente dati ad un primo ministro. Il capo della più ampia Chiesa Cattolica Romana è il Segretario di Stato, responsabile in maniera specifica delle relazioni internazionali della Città del Vaticano e che agisce come ministro degli esteri del Vaticano. Il potere legislativo è affidato alla Commissione Pontificia per lo Stato della Città del Vaticano, i cui membri sono nominati dal Papa per 5 anni. Il sistema delle leggi è basato su leggi canoniche o ecclesiastiche; se le leggi canoniche non sono applicabili, vengono applicate le leggi della città di Roma. Per il potere giudiziario sono responsabili tre tribunali. Il Penitenziario Apostolico tratta con materie di coscienza, la Sacra Rota è responsabile degli appelli, inclusi gli annullamenti dei matrimoni, e la Segnatura Apostolica è l'ultima corte di appello.

Tra le più attive delle principali istituzioni della Curia ci sono:

  • la Congregazione per la Dottrina della Fede, che supervisiona la dottrina della chiesa;
  • la Congregazione dei Vescovi, che coordina la nomina dei vescovi nel mondo;
  • la Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli, che supervisiona le attività delle missioni;
  • il Concilio Pontificio per la Giustizia e la Pace, che si occupa di temi legati alla giustizia ed al sociale;
  • la Prefettura per gli Affari Economici, che tratta gli aspetti finanziari della Santa Sede ed amministra il Patrimonio della Santa Sede, come definito nei Patti Lateranensi.

Il bilancio è gestito dall'ente Amministrazione Patrimonio Sede Apostolica (APSA) e controllato dalla Prefettura per gli Affari economici. Questa istituzione, formata da 15 cardinali e presieduta dal Segretario di Stato, ha inoltre il compito di controllare i bilanci dell'Istituto per le Opere di Religione (IOR), meglio conosciuto come Banca Vaticana. Fra i compiti dell'APSA c'è anche quello di coniare moneta.

Lo Stato della Città del Vaticano ha un suo esercito, che è costituito dal Corpo della Guardia Svizzera Pontificia, ed un corpo di polizia giudiziaria, costituito dal Corpo della Gendarmeria Vaticana.

 

Google
 
Web www.vaticanotours.com


Ultimo aggiornamento 27 ottobre 2007